L'Annunziata nel 1694

Contenuto

L'Annunziata nel 1694

Basandomi sulla Visita Pastorale di Mons. Francesco Antonio Triveri del 21-23 novembre 1694, trascrivo intorno ad una pianta schematica della Chiesa quanto il Vescovo trova e riporta nella sua relazione; è  sempre da tener presente che la descrizione prevede una veduta dell'insieme stando sul presbiterio, rivolto verso i fedeli e l'ingresso della chiesa, per cui il lato destro da lui indicato è quello Est, dove sta incastonato l'affresco di S. Maria della Pietà (La chiesa non è orientata in direzione Est-Ovest, ma all'incirca Nord-Sud, con presbiterio verso Sud).

Dietro l'altare maggiore si trova il coro ligneo piuttosto antico da rinnovare; ai lati del coro due piccole finestre danno aria e luce. In mezzo al Presbiterio si trova l'altare maggiore di pietra, con paliotto e tovaglie, elevato da tre gradini di pietra e da una predella lignea. Sopra non c'è alcun dipinto, ci sono 6 candelieri di legno dorato, vasi con fiori dello stesso materiale e croce argentata.
L'organo e la cantoria in legno, sono posti sul lato sinistro del presbiterio; occorrerebbe fossero dorati.
Su questo altare ora dedicato a San Gennaro, tra colonne scolpite e pietre lavorate è affisso il quadro di S. Gennaro; ai suoi lati si venerano le immagini degli Apostoli Filippo e Giacomo.
Esso è stato edificato con le elemosine di D. Carlo Albanese.
 
In mezzo alla navata c'è il pulpito ligneo
Qui c'è l'altare dell'Immacolata Concezione con la relativa Confraternita; Sulla parete si venera un quadro dell'Immacolata Concezione ben ornato tra colonne di legno scolpite; le messe si celebrano a devozione della Congrega. Questo altare dedicato all'Annunziata ha sulla parete un quadro con l'immagine della Vergine e sopra l'altare due statue: l'Annunziata e l'Angelo annunziante. Vi ardono continuamente lampade a spese dell'Università Andriese e l'altare è stato privilegiato da Alessandro VIII nel 1690.
lato della chiesa "in cornu epistolae", considerato sinistro nella relazione del Vescovo 
pianta schematica della chiesa nel 1694
lato della chiesa "in cornu Evangelii", considerato destro nella relazione del Vescovo
Sul presbiterio, nel fornice a destra c'è la cappella della Vergine Maria, detta Incoronata. Sull'altare c'è un quadro della Vergine Maria. Gode di un "beneficio" e
 l'altare necessita di paliotto e gradino.
 Sull'altare di destra presso il presbiterio c'è un quadro della Vergine sull'albero tra i SS. Pietro e Paolo; sotto è incastonato l'affresco di Maria detta della Pietà, coperta da un vetro e da un velo. Delle sculture non se ne fa parola: ciò potrebbe indicare che ivi le opere scultoree nel 1694 non erano ancora presenti.

La Sacrestia, posta fuori dal presbiterio con accesso presso l'altare della Pietà, ha sufficienti suppellettili per le Celebrazioni; in particolare ci sono due lamine semicircolari d'argento da apporre in un dipinto sul capo della Madonna e del piccolo Gesù.

Questo altare  è dedicato a S. Marco Ev. e a S.Rocco. Sull'altare ben ornato c'è un quadro nel quale San Marco Evangelista è dipinto a destra, San Rocco a sinistra. In fondo alla Chiesa c'è la nuova Cappella del Crocifisso eretta dal Capitolo; sull'altare, privo di benefici, è innalzato Gesù Crocifisso e sulla parete è affisso un quadro rappresentante sua Madre Maria Vergine, S. Giovanni Evangelista e S. Maria Maddalena.

Riporto stralci della Visita Pastorale di Mons. Triveri [*] indicanti la posizione delle strutture presenti in Chiesa nel 1694 e alcune loro caratteristiche.

"Visitatio
Eccl.ae Colleg.tae Sant.mae Annunciat.nis
Die 21 9mb.ris 1694.
Cum ad sonũ campanae consuetae convenissent ad Palatium Epis.le R.R. Convisitatores, Ill.mus Ep.us et Visitator ex eo discedens ad Colleg. Eccl.ã Sant.mae Annunciat.nis se contulit extra portã Civitatis quae d.a della Barra ubi ad ianuam Eccl.ae a Capitul.is suppelliceo indutis receptus fuit eique a digniore dato aspersorio seipsũ p.o deindé alios aquã Benedictã aspersit. Postea ante Altare maius, ut moris ... devote oravit. Cũ in ipsã functiones parochiales minime exerceant.tur ac pro inde SS. Eucharistiae Sacram. non serva.tur nec Baptisteriũ existat p.o loco visitavit
Altare maius
In capite Presbyteii sitũ est Altare maius ad quod per 3 gradus lapideos ultra suppedaneũ, vulgò, Bradella ascenditur. Non habet tabulã [quadro - dipinto] sed in medio adest crucifixus ligneus deargentatus, et hinc inde sex candelabra lignea deargentata super gradus ligneos et colorib(u)s ornatos cũ quibus dã floribus artificialibus bené disposita, et in ipso Altare portatile tribus tobaleis opertũ, et cũ in omnib(u)s est sufficienter ornatũ nil decernendũ fuit.
Alt.e S. M.ae Incoronat.ae.
In Presbyt.o, et a lat.e Evangelij adest Alt.e Incoronatae in capella fornice tecta d.a de familia Sig.nis. In ipso fundatũ est Benef.ũ quod ... possidet.ur a R. Pret. Ant. d'ognibene eiusdem Eccles.ae Sacerdote, habet tabulam in qua est depicta Beat.ma Virgo M.a et hinc indé ss. decret.ur fuit quod fiat Paliotta, ante Alt.e, nec non gradus.
Alt.e S. Mariae Pietatis.
A presbyt.o per tres gradus lapideos descenditur ad planũ eccl.ae in quo a lat.e pred.o adest Alt.e Beatae Mariae Semper Virginis d.a della pietà. In ipso tabula in cuius parte superiori adest depicta Beat.ma Virgo sedens super arborem et hinc indé depictae ... Imagines SS.orũ Ap.lorũ Petri, et Pauli, in p.te vero inferiori adest foramen latitudinis unius palmi ex quo apparet Imago Beat.mae Mariae Virginis in pariete depicta tenens manũ elevatã ad genam sinistrã, quã ex antiqua tradit.ne dicit.tur miraculose elevasse, occas.e quod quidã lusor nat.ne Gallus illã pugione percussit, et dictũ fuit, quod habebant de hoc docum.ta autentica, sed predicta [perdita] fuerunt cũ alijs scripturis anno [... manca ...], quando per nimiã pluviã tota eccl.a impleta fuit aqua ad altitudine palmorũ [... manca ...]. Ante dictã Sacrã Imaginē adest vitrũ, et ante vitrũ velũ sericũ.
In hoc Alt.e erectũ est Benef.ũ de familia
[... manca ...] et est annexũ Prioratui qua est una Dignitas illius Eccl.ae quod modo possedit Rev. Prior V. Hiacintus Cereci cũ onere dictũ Alt.e ornandi. De.tur fuit quod mute.tur Alt.e portatile, eò quod illud quod modo reperi.tur ñ est longitudinis, et latitudinis sufficientis ad Sacr.ũ missae sacrificiũ celebrandũ, et interea Alt.e maneat suspensũ.
Quod Beneficiatus provideat tres tobaleas quatuor candelabra, et suppedaneũ firmare faciat.
Altare SS.rum Marci Evangelistae, et Rochi.
Prosequendo visitationē ventũ fuit ad Alt.e ... in honore SS.orũ Marci Evangelistae et Rochi dicatum, in cuius tabula adest imago primi a dextris 2.i verò a sinistris, et cũ in omnibus sit sufficienter ornat. nil circa ipsius decernendũ fuit.
Alt.e S.mi Cruci fixi.
In fine Eccl.ae a lat.e Evangelii reperitur Capella de novo a Cap.lo fabricata et est fornice tecta. In Altare adest statua Iesu Χρι D. N. cruci affixa et hinc indé imagines Beat.mae Virg.is eius matris: S. Iohan. Evangelstae, et S. Mariae Mag.ae in tabula depictas. Dotem ñ habet, sed Capit.ũ illius cura habet, estq. decenter ornatũ, ideò nil decernendum fuit.
Alt.e S. M.ae Annunciat.nis.
A lat.e Epistole Altaris Maioris prope fine Eccl.ae reperitur Altare Sant.ma Annunciationis in Cappella fornice tecta, et picturis ornata. Pro tabula adest Imago Beat.mae Virn.is in pariete depicta, et in parte superiori sub fornice adest statua lignea eiusdem Beat.mae Virginis, cum alt.a Angeli ipsi nunciantis. Adest cera hoc Altari diù noctiq. lampas expensis Magnificae Universitatis Andriae. Dictũ fuit Altare est Privilegiatũ pro animabus defonctorum qualibet diecumq., et veneris, et per octavam commemorat.nis omniũ fideliũ defunctorũ. Dummodo sint in d.a eccl.a 14. missae quotidianae, et Breve d.ũ concessũ a fel. record.  Allexñ. 8. 1690 dec.ũ fuit. Quod probetur in d.a Eccl.a esse 14 missas quotidianas.
Alt.e Immaculatae Conceptionis.
Successivé Ill.mus visitavit Alt.e Immaculatae Conceptionis Beat.mae Virginis, in quo sub eiusdem invocat.ne erecta est Confraternitas. In tabula eleganter depicta veneratur Imago d.ae B. V.is Immaculatae Concepta: est tabula ipsa columnis ligneis, et incisis decenter ornata, sicut et Alt.e ipsum, in quo nulla sunt onera missarum, in eo tum plures celebrantur missae ex devot.ne Confratrum elemosinas ministrantur decretum fuit.
Quod producatur erectio Confraternitatis, eiusque Constitutionis cũ nota reddituũ, eorumque administratione.
Altare S. Ianuarii.
Tandem visitatũ fuit Alt.e S. Ianuarij situs ab eo d.o lat.e epistolae in plano Eccl.ae extra Presbyteriũ. Hoc Alt.e aedificatũ fuit a Cap.lo ex elemosinis qu... D. Caroli Albanese, qui in eius ult.a voluntate Cap.lũ seu dicta ... heredes instituit cum onere celebrandi tot missas pro anima sua quot capere possunt in summa reditus qui singulis annis, ex bonis heredi ... .
Adest tabula lapidibus sectis, et columnis ornata in cuius medio depicta est imago S. Ianuarij ep.i et martiris. A lateribus verò venerantur Imagines SS.orum Apostolorum Philippi, et Iacobi. Altare est mappis, candelabris, floribus decenter ornatũ, solũ suppedaneũ, seu Bradella est nimis strictũ. ideo fuit de.tũ Quod suppedaneo ipso addatur tabula lignea latitudinis fere unius palmi.
… … …
Chorum.
Visitatis Altaribus Ill.mus visitavit Chorũ in Cap.e Eccl.ae positũ estq. fornice ... . Habet duas fenestras a duabus lateribus ità dispositas, quod iuxta exig.a claudi, et aperi p.nt. Sedilia ad num.ũ Sacerdotũ d.ae Eccl.ae sufficere possunt, sunt satis antiqua, et renovat.ne indigent, sed attenta paupertate Eccl.ae pro nunc tolerans. Adsunt deniq. libri in cantu Gregoriano suff.tes pro canendis missis, et horis canonicis ...
Presbyt.ũ.
A lateribus Presbyterii, quod est satis ampliũ, et spatiosũ, servabantur quaedam suppedanea, quibus erigi ... innũ in festa Sant.maae Annunciationis, cum Ep.us in d.a Eccl.a pontificat.ũ celebrat et insuper quaedam sedilia inservientia occas.e concursus ad d.a Eccl.a ideò decretatum fuit. Quod relicae uno tantum sedili, in quo ministri Altaris iuxta rubricas sedere possint, reliqua omnia Presb.o tollantur, et alibi reponantur.
Reliqu.ũ Eccl.ae.
A presbyt.o ad planũ Eccl.ae per 3 gradus lapideos descenditur unica constat navi, et haec tegulis contecta. In pavim.to adsunt opercula quaedam sepulcrorum, quae plano eiusdem ñ equantur.
Adsunt confessionalia ... satis antiqua ... .
Pulpitum.
Circa medietate Eccl.ae innixũ parieti a p.te epistulae sitũ est pulpitũ versus altare maius adest crux, et in eo affixa Imago Iesu C.i D. N. adest tabula ... .
Organum.
In Presbyt.o a lat.e epistulae positũ est organũ cuius cantoria est de tabulis sufficienter elaboratis, et opp.nē deaurandis. pro nunc sufficiantur.
Datum Andriae ex Colleg.ta Eccl.ae Sant.mae Annunciat.nis die mense, et anno quibus s.a.
[segue firma del cancelliere]"
Die 23.a currentis mensis.
Ill.mus suis assumptis pro complenda visit.ne ad Eccl.ã SS.mae Annunciat.nis se contulit, ibique facta orat.ne ut debuit ad Alt.e maius ingressus est Sacristiã.
Sacristia.
Sita est Sacristia extra Presb.ũ propé Altare S. M.ae Pietatis; [segue elenco oggetti per il culto presenti e mostrati; tra l'altro ...] Duo lamine de argento una maior, Beat.mae Virg.i et alt.a minor puero Iesu, utraque de Argento semicirculari utpoté aptanda ad capita earum Imaginum in pariete depictam. … … …
NOTE
[*] Questa Visita Pastorale è stata letta e trascritta, dall'originale "Acta Sanctae Visitationis Episcoporum Andriensium" (ASVEA), presso la Biblioteca Diocesana "S. Tommaso d'Aquino" di Andria.
Le parentesi quadre indicano lettere non presenti per abbreviazione.
I puntini di sospensione (…) indicano parole o gruppi di parole di difficile lettura sul manoscritto.