Carta del giugno 843

Contenuto

Premessa

L'autore del testo, Giambattista Beltrani, nell'approfondita introduzione ai documenti compendia la Storia dell'Italia meridionale nel Medioevo e a pag.V, inizia dalle prime carte del IX secolo, al quale questa appartiene, e riporta quanto scrive Bartolomeo Capasso ne “Le Fonti della storia delle province napoletane dal 568 al 1500”:

“Le carte, che si conservano nell’Archivio del Duomo di Trani, cominciano dal IX secolo. Ad una tale epoca ne appartengono tre; cioè una dell’ 834 stampata dal sacerdote Don Paolo Vania nel Cenno storico della città di Trani, e le altre due inedite; la prima delle quali, stipulata quarto anno principatus Siconulfi mense Iunio sexta indictione (843), è un’offerta che Lazzaro, figliuolo del quondam Adriano, fa di una vinea alla chiesa di santa Maria, fondata nel casale di Trimoggia, prope Tranum; e l’altra, dell’ 845, è una vendita di tutt’ i possedimenti che Lamperto, abitator de bico qui dicitur de Iuianello finibus baroletano, stipulava con Lamprando nel sesto anno del principato di Siconolfo, ricorrendo l’ottava indizione. …”

Nel documento si parla di due importanti loci, località nei pressi di Andria, Cicalio, presso la Madonna dei Miracoli, e Trimodie, dove già nel IX secolo esisteva la Chiesa di Santa Maria di Trimoggia, ed oggi s'erge il Santuario del SS. Salvatore. Inoltre è nominata la Chiesa di S. Pantaleone, che probabilmente si trovava nel territorio; per il Merra sorgeva presso Cicaglia, come infatti scrive a pag. 283 del vol.I delle sue "Monografie Andriesi".


Pergamena n.2.

Carta del giugno 843, indizione VI.

dal Beltrani tratta da
Le carte che si conservano nell’Archivio del Duomo di Trani

In nomine domini, quarto anno principato domni nostri Siconolfi mense Iunios sexta indictione.

ideoque ego Laczaro filius quondam Atriani de Tremodie pro mercede anime Laczal honestis filius meus tradedit atque offeruit in ecclesia Sancte Marie qui fundatam exe videat ibique in Tremodie ractionabilis Atroaldi diaconi rector ecclesie Sancti Pantaleonis in eorum eiusque potestate hofferuit una vinea loco ubi peniti dicitur quemdam Ioanne filius Anselei de Cicalio ante os die emtam habuit et aba ibso exinde firmata cartula scripta per Alderisi notario et testibus roborata

et invicem ea do tibi Atroaldo diaconi ibsa cartula pro defensione de ibsa vinea ea racione ut quomodo ego et eredibus mei cum ibsa carta ibsa vinea defensere debuimus in omnibus in oc ordine sit te Atroaldi diaconis tuisque subcessoribus unde nec mihi nec ad aliis homine porcione non reserbabit de ibsa vinea neque requisicione de ibsa cartula set tibi qui supra Atroaldi diaconi tuisque subcessoribus in eadem venerabilis qui supra locis abere et possidere baleatis

de quam repromitto ut damodo a mentovato anno et mense quacunqua tempore ego qui supra Laczaro vel meis eredibus denominata offercione causare vel retornare presunserimus ut primitus hante omnia questio nostro sit tacito et insuper ferquidi alia tale vinea nos bobis componere placitamus quod aput vos remelioratos fuerit homnia sub estimacione precii restituamus et in ea racione anc cartula sit firmata.

Dauferius notarius scribere rogabimus.
acto castro Trane mense et indictione notatis.

† ego Laczaro qui supra me subscripsi
† ego Atroaldo qui supra me subscripsi
† ego Adelghisi presbiter me subscripsi
† ego Cornelius presbiter me teste subscribsi
† ego Ruidolfo me teste subscribsi
† ego Moderico me subscribsi
† ego Iuliano me teste supscripsi
† ego Ricoprando me teste subscribsi
† ego Unzelperto me teste subscribsi
† ego Sortabilemo me subscripsi
† ego Ucemondo teste
† ego Teroaldo me teste
† ego Teodemo teste

[tratto da “ Documenti longobardi e greci, per la Storia dell’Italia Meridionale nel Medioevo”, di Giambattista Beltrani, Tip. S. C. de Propaganda Fide, Roma, 1877, pag. 2.]