Carte dell'agosto 911 e ottobre 915

Contenuto

Premessa

L'autore del testo, Giambattista Beltrani, nell'approfondita introduzione ai documenti compendia la Storia dell'Italia meridionale nel Medioevo e a pag.V, inizia dalle prime carte del IX secolo e riporta quanto scrive Bartolomeo Capasso ne “Le Fonti della storia delle province napoletane dal 568 al 1500”:

“Le carte, che si conservano nell’Archivio del Duomo di Trani, cominciano dal IX secolo. … Succedono cinque carte del X secolo, che appartengono agli anni 915, 980, 983 e 999. Una del 983 e quella del 999 sono dettate in greco e furono stampate dall’Assemani colla versione latina. Le altre tre del 915, 980 e 983 sono inedite, sol che della prima il signor B. pubblicò alcuni brani nella sua opera sugli Antichi Ordinamenti marittimi di Trani (1873). …”

Il Beltrani poi aggiunge una interessante nota storica che riguarda la carta che qui si trascrive:

“… In una carta dell’anno 915, che io pubblico ora, se ne cita un’altra que erat facta Trani vigesimo quinto anno Imperii domini Leonis et Alexandri, imperatorum nostrorum, mense augusti decima quarta indictione, la quale corrisponde appunto all’anno dell’era volgare 881. Già dunque, a quest’epoca, quattr’anni prima dell’885, a Trani si segnavano gli anni dei greci imperatori, ossia già la città nell’881 era tornata al loro dominio, e un anno dopo concedeva asilo ai benemeriti frati di san Benedetto, scampati dal sacco che i Musulmani avean dato a Montecassino.”

Per la storia della Città di Andria questo documento è praticamente il primo che ne faccia espressamente parola; in essa è nominato quale padre del contraente Adelprando il defunto Raleprando abitante nel “locus” villaggio chiamato Andre; i fatti narrati nel 915 si erano in parte svolti nel 911 (e non 881 come scrive erroneamente il Beltrani; infatti: Leone VI fu eletto imperatore nel 886, dopo i 25 anni scritti nel documento si giunge al 911, 14a indizione).


Pergamena n.4.

Carta dell’ottobre 915, indizione IV.

dal Beltrani tratta da
Le carte che si conservano nell’Archivio del Duomo di Trani

In nomine domini Dei eterni et salvatoris nostri Ihesu Christi tertio anno imperii domini Costantini gloriosissimum imperatorem nostrum mense octubrio quarta indictione..

brebe hemissum a me teodelgrimo iudice quatenus in civitate trane ante nostra presentia venit Petrus qui et Leocaro vocatur filio quondam Landoni ex loco Tretasi sine littera nostri et cum eo venit Maiulo filio quondam fratris Petri ex predicto loco tretasi.

et pariter adstantibus ante nostra presentia sicque ipse qui supra Petrus ante nostra presentia ostendit nobis cartula que erat facta bicesimo quinto anno imperii domini Leoni et Alexahdri imperatorum nostrorum mense augusto quartadecima indictione scripta namque per Bartholomeum notarium et roborata per testes

continebat ipsa cartula ut ipse super nominatus Maiulo pro anima sua dedisset inclita rebus sua insuper nominato loco Tetrasi eique Petri. ut ipsa continebat cartula.

set compenientiam inter se facientibus predictus Petro cum super nominato Maiulo continue ipse qui supra Petrus ante nostra presentia … … … bona voluntate capsavit ipsa sua cartula quam habuit a parte super nominati Maiuli et capsatam illam remisit apud ipsum qui supra Maiulo.

et ibique presens adstabant Zacfiro qui et Teodelgrimo vocatur filioque Grifoni imperiali protospatharii et Adelprando fìlio quondam Ralemprandi ex loco Andre sicque ipse super nominatus Petrus ante nostra presentia sua bona voluntate vuadia dedit ipsorumque qui supra Zacfiri et Adelprandi et mediatorem eis posuit Hurso filium quondam … … …

ea namque ratione ut si aliquando tempore ipse qui supra Petrus aut illius heredes pro quavis modis vel ingenio presumpserint causare aut contendere cum ipsi supranominati Zacfiro et Adelprando aut cum heredibus illorum in rebus predicti Maiuli aut si paruerit exinde munimen data cuicumque per supernominatum Petrum aut si qualiscumque homo per … … …

super nominati Petri quesierint predictas rebus que fuit Maiuli ab ipsi super nominati Zacfiro et Adelprando et ipse supernominatus … … …

aut illius heredes non fuerint exinde defensores illorum spopondit eis in predicta vuadiam atque obligavit se et heredes suos dare illorum biginti solidos constantinianos et a parte sua taciti maneant quam et ab aliis hominibus per invitis sint defensores illorum in supra dicta ratione.

et ipse supra nominatus mediator tribuit eis licenciam … … …

pignerare per bobes et legittima pignera quousque et ipse comprehendere inclita rebus que fuit supra nominati Maiuli in pre … … …

eidem et tradat illam in pigno ipsorum qui supra Zaffiri et Adelprandi seu heredum illorum et ipsi habe … … …

illam sibi sicut per cartula vinditionis et ut amplius ipsum quem supra hursum non calumnietur et taliter hunc brebe scripsi ego Nandolfus diaconus adque notarium et interfui.

† ego qui supra Teudelgardi …
† ego Teudelpertus testes
† ego Malelgardus testes

[tratto da “ Documenti longobardi e greci, per la Storia dell’Italia Meridionale nel Medioevo”, di Giambattista Beltrani, Tip. S. C. de Propaganda Fide, Roma, 1877, pp. 4-5.]