Oi lasso, non pensai sì forte-Federico II

Contenuto

Oi lasso, non pensai sì forte

Oi lasso, non pensai sì forte mi paresse
lo dipartire da madonna mia
da poi ch'io m'aloncai, ben parìa
ch'io morisse,
membrando di sua dolze compagnia;
e giammai tanta pena non durai
se non quando a la nave adimorai,
ed or mi creso morire ciertamente
se da lei no ritorno prestamente.

Canzonetta gioiosa,
va a la fior di Soria,
a quella c’à in pregione lo mio core:
Dì a la più amorosa,
ca per sua cortesia
si rimembri de lo suo servidore,
quelli che per suo amore va penando
mentre non faccia tutto l suo comando;
e pregalami per la sua bontade
ch’ella mi degia tener lealtate.

(scritta per Anais di Brienne, cugina della 2° moglie Jolanda)

sigla di Federico II
Federico (Ruggero) II di (Hohenstaufen) Svevia
Federico II tra i poeti