Madonna del Pozzo, in via Libia,60

Contenuto

edicola in via Libia, 60   edicola in via Libia, 60
[1: palazzo Rella tra via Libia e via Fiume; 2: edicola della Madonna del Pozzo - elab. elettr. S. Di Tommaso su foto di G. D'Ambrosio]

Madonna del Pozzo presente in S. Maria Vetere
[Madonna del Pozzo in S. Maria Vetere - elab. elettr. su foto di M. Monterisi]

Madonna del pozzo

in Via Libia, 60

Questa edicola mi è stata segnalata da Giuseppe D'Ambrosio, del quale sono le fotografie su riprodotte.
Purtroppo l'edicola è in pessimo stato, per cui anche l'elaborazione elettronica dell'immagine ripresa non riesce a rende altro che le linee essenziali del dipinto.

Scrive il D'Ambrosio nel testo che accompagna le foto in "Andria tra Passato e Presente":
"L'edicola è posta in Via Libia, 60, sulla facciata di un meraviglioso palazzo in stile liberty appartenuto alla famiglia Rella. L’immagine, una pittura a olio su lastra di zinco inchiodata su legno e applicata al muro, è praticamente poco decifrabile e secondo la Cestari [nel citato libro "Le edicole sacre di Andria"] rappresenta la Madonna del Pozzo, Madonna ai cui lati vi sono San Pasquale di Baylon e San Pietro di Alcantara. Era illuminata da una lampada con braccio di ferro e protetta da un globo di vetro.
Secondo le notizie raccolte dalla Cestari in passato gli abitanti della zona si raccoglievano intorno a questa immagine per recitare il rosario il giorno della festa dell'Assunta. il 15 agosto. Al termine delle preghiere, ognuno mangiava una fetta di anguria per poi rientrare nelle proprie abitazioni."

Nell'edicola si intravede la Madonna, probabilmente dipinta come l'originale in stile bizantino, (dovrebbe essere a mezzo busto e col manto azzurro, col Bimbo benedicente seduto sulle ginocchia, ambedue aureolati e incoronati, in un nembo che lievita su un pozzo); ai lati si scorgono due frati francescani, forse i santi Pasquale Baylon e Pietro d'Alcantara, e in basso ai loro piedi ci sono una croce e un teschio.

A lato si riproduce la tela ottocentesca presente sul primo altare di sinistra entrando nella Chiesa di Santa Maria Vetere di Andria, dove è vivo il culto della Madonna del Pozzo ad opera dei francescani.
Tale culto fu introdotto da essi nella nostra città dopo che a loro era stato affidata la cura della Chiesa di San Lorenzo, dove era venerata l'icona bizantina trovata nel pozzo da Domenico Tanzella il 1705 a Piscino presso Capurso.


Nella tradizione popolare la Madonna del Pozzo era anche chiamata in soccorso se si temevano aggressioni. La dott.ssa Antonia Musaico Guglielmi nella sua raccolta di "Prosa e poesia religiosa" riferisce la seguente particolare preghiera dialettale:

Madonnә du Pәzzә

Madonna del Pozzo

Madonnә du Pәzzә
fammә acchié nu chәrtәddәzzә
c'a chәddә ca m'aggәmèndә
u ficchә indә au vendә.
O Madonna del Pozzo
fammi trovare un coltellino
perché a chi mi dà fastidio
lo ficco nella pancia.
[tratto da “letteratura popolare andriese ...”, di Antonia Musaico Guglielmi, tip. Guglielmi, Andria, 1981, pag. 23]