Quannę nasciestę tu

Contenuto

Quannę nasciestę tu
Ninna nanna modugnese

In questa edizione il canto eseguito dal gruppo artistico della Scuola Secondaria di 1 grado "A. Manzoni" di Andria:
Ninna nanna modugnese
(lo si ascolta in automatico all'apertura della pagina;
ma attendere qualche secondo per ascoltare il canto!)

bimbe nel centro storico cullano una bambola

Quannę nasciestę tu

canto in dialetto modugnese
E ninna nannę e ninna nannę,
nęsciunę tę volę bbnę com’a la mammę.
E ninna nannę e ninna nannę,
u addrę dę lę figghję j la mammę.
Quannę nasciestę tu nasc la rsę,
nasc la pambęnllę, nasc la pambęnllę,
alla cerase.
Quannę nasciestę tu, nasciebbę jiję,
nascmmę tutt' dd, nascmmę tutt' dd,
jinda ‘na dję.

E ninna nannę e ninna nannę,
nęsciunę tę volę bbnę com’a la mammę.
E ninna nannę e ninna vlę
mmrtę la jaddinę sop’a ll’ovę.
mmrtę la jaddinę cenerinę,
chddę ca facvę u uvę, chddę ca facvę u uvę,
srę e matinę.
E ninna ninna nannę e ninnarddę
u lupę s’ mangiatę, u lupę s’ mangiatę,
la pchęrddę.

Pchęrdda m come faciestę,
quannę mmcc’o lupę te vedestę.
E ninna nannę e ninna vlę
tutte stann’a dęrm stu figghje nnę.
E snnę snnę snnę quann’ad ven,
viennę la ntte e nn, viennę la ntte e nn,
męn la dje.
E ninna ninna nannę e ninna nannę,
u snnę, Madonna m, u snnę, Madonna m,
fangi acchiaję.

Madonna m, tienamillę ‘mbrazzę,
fingh’a vgghę e vvnghę da la chjazzę.
Madonna m, tienamillę n’zne,
fingh’a vgghę e vvnghę d muinę.
E ninna ninna nannę e ninna vlę,
chussę figghję ava sc, chussę figghję ava sc,
a la sclę.
E ava sci a la sclę per ‘mbaraję
de lggę e de scrivę, de lggę e de scrivę
e dę stędiaję.

Quando nascesti tu

(traduzione in italiano)
E ninna nanna e ninna nanna,
nessuno ti vuole bene come la mamma.
E ninna nanna e ninna nanna,
l'odore dei figli la mamma.
Quando nascesti tu nacque la rosa,
nacque la foglia, nacque la foglia,
alla ciliegia.
Quando nascesti tu, nacqui io,
nascemmo tutti e due, nascemmo tutti e due,
in un solo giorno.

E ninna nanna e ninna nanna,
nessuno ti vuole bene come la mamma.
E ninna nanna e ninna vola,
morta la gallina sulle uova.
morta la gallina color cenere,
quella che faceva l'uovo, quella che faceva l'uovo
sera e mattina.
E ninna ninna nanne e ninnarella,
il lupo si mangiato, il lupo si mangiato
la pecorella.

Pecorella mia, come facesti,
quando in bocca al lupo ti vedesti.
E ninna nanna e ninna vola,
tutti stanno a dormire questo figlio no.
E sonno sonno sonno quando devi venire,
vieni la notte e non, vieni la notte e non
venire il giorno.
E ninna nanna e ninna nanna
il sonno, Madonna mia, il sonno, Madonna mia,
faglielo trovare.

Madonna mia, tienimelo in braccio
fino a quando vado e vengo dalla piazza.
Madonna mia, tienimelo in grembo,
fino a quando vado e vengo dal mulino.
E ninna ninna nanna e ninna vola,
questo figlio deve andare, questo figlio deve andare
alla scuola.
E deve andare a scuola per imparare
di leggere e di scrivere, di leggere e di scrivere
e di studiare.

"La ninna nanna modugnese combina in un motivo struggente e malinconico sentimenti, paure, aspirazioni e scene di vita quotidiana di una Modugno contadina, da cui traspaiono l’ansia per un avvenire migliore, le paure della madre per i figli, e una quotidianit povera ed agreste: la mamma, per conciliare il sonno del figlio, ricorda la morte de la jaddina cenerine, che faceva l'uovo sera e mattina, e della pecorella mangiata dal lupo, chiara allegoria del soccombere del debole di fronte alla prepotenza del pi forte; poi affida l'incolumit del figlio alla Madonna, perch sia lei a vegliare sulla culla durante lo svolgimento delle faccende di ogni giorno."
[Fonte del testo e del commento: Nuovi Orientamenti, n. 97/2000, ..., Il Canzoniere di Nuovi Orientamenti,
Modugno: canti e storie della tradizione. Ricerca: Raffaele Macina.]
La copia della fonte dei testi in dialetto ed in italiano sono stati gentilmente forniti dal Signor Daniele Tedone, cui si deve un sentito grazie.
Nel testo dialettale il simbolo fonetico della "ę" sta ad indicare una "e" muta.