La Famgghię

Contenuto

La Famgghię

di Grazia Montanari
[composta nel giugno del 1988]

La Famgghię

[testo in dialetto andriese]

U Padr-trn, quann cri la famgghie,
la fice cumbost da mamm, attin i figghie,
pu l m’tti piur quatt nononn
c’avev-na t’nai r criatiur p’ccenonn.

I ca cerr m’tti tanda cr’stiin?
Nan b’tiv f na caus chi a la min?
P nu mais u cervidd m’agghie spr’mut,
ma ch’ss probblim u so r’s’lvut.

L’attin scett u s’daur a fad’gh,
ca tin tanda vocch da sfam;
s r’tir a la cheis ass s’stus,
nan voul s’ndoi a n’scun, ca st n’rvus!

La mamm, piur jedd fatic tott la scernit
i nan abbenge a scioi nnad i rit,
per s strusce u pizz c’ trasut
i pu s v lam’ndnn ca g s n’ scut.

L fgghie, ci bell bell tinn mend,
s frt, caparrun I pr’putend:
penz’n assalut a scequ au pallun
u s’appzz’cn mbacce a la talvisiun;

i tann na l put sch’mmuv da d,
ca pigghie’n u picce i a chiange v a sp’cc.
Vrim l’attin, la mamm s’a stanghit
i mn’n t’tt i diu tanda mazzeit.

Allur la nononn, ca tin chi esperienz,
s scecaff mmezz, p tanda pr’ptenz:
“Chess f’nzjun na r pozz v’dai,
ca m scapp la pacinz piur a mai!”

I u nononn dice: “Chiamit u dottur,
ca m send d sbatt frt u cur!
Ci m’ttit r mmein ngdd a l m’nnn,
mu propie dich a Mariett sciamaninn!”

acque ca stut u fc alacc’rrnn:
ognidiun s calmisce i v d’cnn
ca la famgghie iai na caus geust i sand
p’cch s vl’n bbin t’tt quand.

Sin, qualchidiun – quann u tin sturt –
voul la rasciaun, piur ci tin turt:
i tann s’appcce na specie d guerr
i qualchi mss arriv fingh nderr.

Per attrn a la tav’l s vl’n bbin
i s spart’n u stuzz d r ppein,
nan zap’n st darass iun da l’olt,
nu cor i n’alm sond, appart’annolt.

P la famigghie, Signour, t r’ngrazie:
u stim d’scun u stim sazie,
n’abrazzim nzimm t’tt quand:
chess iai la causa chi mburtand!

Ind a la famigghie s rit i s chiange,
s dorm, s sciouch, s’abball i s mange:
du s send’n t’tt tranguill I sk’tit
i s stann semb ch’ndind I k’t’lit.

Chess’armune na la sim guastann
i cert pcce na l sim b’gghinn.
P nu cunziglie v’less sp’cc,
nan zit d’cnn c’amm parlit ass!

Nan zoim p’nzann assalut a l solt
i nan zim tram’ndenn l d’ftt d l’olt!
Facim’n na bella mangit i na v’vut
Stam’n mbice i p’nzim a la salut!

La Famiglia

(traduzione in italiano)

Il Padreterno, quando cre la famiglia,
la fece composta da mamma, padre e figli
poi le mise pure quattro nonni
che dovevano intrattenere i bambini piccoli.

E perch mise cos tante persone?
Non poteva fare una cosa pi semplice?
Per un mese il cervello mi son arrovellato,
Ma questo problema l’ho risolto.

Il padre gronda sudore a lavorare
perch ha tante bocche da sfamare,
si ritira a casa assai arrabbiato,
Non vuol sentir nessuno, perch nervoso!

La mamma, pure lei lavora tutto il giorno
e non ce la fa ad andare su e gi,
si consuma i soldi che il marito le ha dato
e poi si lamenta che sono gi finiti.

I figli, se li guardi con attenzione,
sono forti, testardi e prepotenti:
pensano solo a giocare al pallone
oppure si … attaccano alla televisione,

e allora non li puoi staccare da l,
Perch fanno i capricci e piangono.
Grida il padre, la mamma si stancata
E tutti e due danno botte da orbi.

Allora la nonna, che ha pi esperienza,
s’intromette con tanta prepotenza:
“Queste sceneggiate non le posso tollerare
perch anche a me scappa la pazienza!”

E il nonno dice: “Chiamate il medico,
Perch mi sento palpitare forte il cuore!
Se vi permettete di picchiare i bambini
proprio adesso dico a Marietta: Andiamocene!”

acqua che spegne il fuoco subito:
ognuno si calma e dice
che la famiglia una cosa giusta e santa,
Perch si voglion bene tutti quanti.

S, qualcuno – quando arrabbiato –
vuole aver ragione, anche se ha torto
ed allora si accende una specie di guerra
e qualche muso lungo arriva fino a terra.

Per intorno alla tavola si vogliono bene,
si dividono il pane fraternamente,
non sanno star lontani uno dall’altro,
Un cuore e un’anima son l’un l’altro.

Per la famiglia, Signore, ti ringrazio:
siamo digiuni o siamo sazi,
ci abbracciamo insieme tutti quanti,
Questa la cosa pi importante!

In famiglia si ride e si piange,
si dorme, si gioca, si balla e si mangia:
qui si sentono tutti tranquilli e sereni
E sono anche contenti e soddisfatti.

Questa armonia non la turbiamo
E non prendiamo certi capricci.
Con un consiglio vorrei terminare,
E non dite che abbiamo parlato troppo!

Non pensiamo soltanto ai soldi
E non guardiamo i difetti degli altri!
Facciamo insieme un bel banchetto
Viviamo in pace e pensiamo alla salute!


NOTA

Il dialetto trascritto cos come l'autrice l'ha pubblicato.