La Famgghię

Contenuto

[La Fir d’ Abbril]
Dialogo tra Nannin e Carmelin

di Grazia Montanari
[composta il 28 aprile 2019]

[La Fir d’ Abbril]
Dialogo tra Nannin e Carmelin

[testo in dialetto andriese]

Nann, s s’ndut ca la Fir d’Abbril
dopp tand’ann na la fc’n cchiu?
Carm, nan but ess! G n’hann l’vit
r chi mgghj’ trad’zzjun! Pur la fir mu?
Vit ca t s sbagliit: Put ess ca l‘hann scasit
i l’hann v’lut l’v da mmzz au Staccit
p mtt’l a n’olt pizz. Per nan bozz p’nz
ca l’han scang’llit da saup a la facc’d Jndr.

Nanni, pinz ca ann l‘vit u Carn’vil,
ann l’vit r msc’kr, hann l’vit la p’tr’scit,
ann l‘vit le tradizioni du f’danzamnd.
Carm, mu nan z capsc chi n’dd, ad Andr.
La pult’k? Non tocchiamo questo tasto!
La scoul? Megghjaddi!! Nan z capsc n’dd!
I piatti tipici andriesi? L put assapr assalut
nei ristoranti a cinque stelle adi l peigh salit!!!

Nann, ma tiu t l’ar’crd la Fir d’Abbril?
T’ar’crd quanda cus s v’nn’v’n?
Akk’m’nznn dall’an’mil, str’gghiit bell bell
i pr’parit pu nastr r’ss ngnn adi steiv appis
nu cambandd adazzjus all’an’mil p’cc’n’nn
cum a r pk’r, l vcc, r crip i qualki garddd,
imbic l cambancc gruss appis au kdd
d r vakk i d l vvv. I quann cam’nvv accst
s’ndvv l sc’kim d l’an’mil i l’arj’ afft’scut.

Carm, ah, quand’iva bell la Fir d’Abbril,
nan bic’ n’dd ca s s’ndiv’n u fidd i l sc’kim.
Nann, per la sair n scemm a f la spaccit
saup a la V d Trin, p la vesta nuv i r scarp
pu tacchett, ca jeiv la pruima volt ca r m’ttvv.
I dopp ca avemm fatt da la Port du Castdd
fingh alla GIL, p du volt, imm adaks abalut
ca nan v’dmm l’aur d r’trann a cis,
ca n’avmma l’v r scrp i sdr’p saup au ltt.

Avst a dic fssarj, Carm. Tng du spangtt,
na pandsc’ k d crn i vik a f nu bell rag.
Nann, tnn rasciun. U p la Fir u senza Fir
iusc fest i p’nzim a pass na bella sc’rnit,
alla facc’ d kidd ca nan t’n’n n’sciun r’crd
d r cus bell d na vlt. Ah, ci cambiv nannn!!!

[La Fiera d’Aprile]
Dialogo tra Anna e Carmela

(traduzione in italiano)

Anna, hai sentito che la fiera di Aprile
dopo tanti anni non la fanno pi?
Carmela, non pu essere! Gi ci hanno tolto
le migliori tradizioni! Pure la Fiera ora?
Devi esserti sbagliata: forse l’hanno sloggiata
e han voluto toglierla dallo Steccato
per metterla altrove. Per non posso pensare
che l’abbiano eliminata dalla storia di Andria.

Anna, pensa che hanno abolito il Carnevale,
hanno tolto le maschere e la “petrisciata”,
hanno eliminato le tradizioni del fidanzamento.
Carmela, non si capisce pi niente ad Andria.
La politica? Non tocchiamo questo tasto!
La scuola? Per carit! Non si capisce niente!
I piatti tipici andriesi? Li puoi assaggiare solo
nei ristoranti a cinque stelle dove costano!!!

Anna, ma tu la ricordi la Fiera d’Aprile?
Ti ricordi quante cose si vendevano?
Cominciando dagli animali, strigliati per bene
e preparati con un nastro rosso che reggeva
un campanello grazioso agli animali piccoli
come le pecore, i tacchini, le capre e un galletto,
invece grossi campanacci erano appesi al collo
delle vacche e dei buoi. E quando camminavi
sentivi i versi degli animali e l’aria appuzzonita.

Carmela, ah, com’era bella la Fiera d’Aprile,
non fa niente che si sentivano le puzze.
Anna, per la sera andavamo a fare la passeggiata
su Via Trani, col vestito nuovo e le scarpe
col tacco ed era la prima volta che le indossavi.
E dopo che avevamo percorso da Porta Castello
fino alla GIL, per due volte, eravamo cos stanche
che non vedevamo l’ora di tornare a casa
per toglierci le scarpe e buttarci sul letto.

Basta a dire chiacchiere, Carmela. Ho due costole,
un pezzetto di carne e vado a fare un buon rag.
Hai ragione, Anna. O con la Fiera o senza Fiera
oggi festa: pensiamo a trascorrere una bella giornata
alla faccia di chi non ha nessun ricordo
delle cose belle di una volta: Ah, se vivesse nonna!


NOTA

I testi, sia in dialetto che in italiano, sono trascritti cos come l'autrice li ha pubblicati sulla sua pagina di Facebook il 22 aprile 2021.