Chiesetta di S. Andrea (demolita)

Contenuto

Particolare della pianta di Andria (modificata) di  Francesco di Cassiano de Silva del 1703, inserita in 'Il Regno di Napoli in prospettiva' del Pacichelli
[dalla veduta di F. Cassiano de Silva]

Sant'Andrea delle grotte

Quasi certamente nel Medioevo Sant'Andrea era una chiesa rupestre all'interno di uno dei tanti insediamenti in grotte della zona, quello che si estendeva sul declivio Est del ruscello chiamato Aveldium (nell'attuale canale Ciappetta-Camaggio). Fino agli anni Cinquanta del secolo scorso tale insediamento rupestre esisteva ancora ed era abitato, ma la chiesetta era stata più volte demolita e riedificata e, allora, sorgeva così come ce la descrivono gli storici del tempo.

"Or qui si noti, che questo Duomo è forse la seconda Cattedrale Andriese, comecchè la primissima fu la vetustissima Chiesa di S. Andrea, esistendo tuttavia in uno scoscendimento di umili antichi tuguri appellati le Grotti. Veggonsi tuttavia quattro finestre chiuse, che la illuminavano, due a destra, e due a sinistra, formate a pietre di taglio con archi a sesto acuto secondo le antiche forme di costruzione gotica. Non fia poi chi dubiti, che la suddetta statua di S. Andrea sia lavoro congegnato da nostri antichi vasellai." Così scriveva il Borsella in "Andria Sacra", ai primi del 1800 (pp.123-125).

Già pochi anni prima anche il D'Urso aveva ipotizzato che la Chiesa di Sant'Andrea sia stata la prima Cattedrale di Andria:
Ma quale propriamente sia stata questa chiesa [Cattedrale]? Alcuni hanno preteso, essere quella cappella, dove celebrò S. Pietro nel suo passaggio da qui, la quale, come dissi, va compresa presentemente nella chiesa Cattedrale. Ma tale opinione affatto non regge; poiché siamo assicurati dalla tradizione, che questa miracolosamente non sia stata mai polluta dai falsi numi. Dietro la partenza dell’Apostolo, sebbene fossero ricaduti gli Andriesi nell’idolatria; tuttavolta non ebbero il coraggio di profanarla: rimase solo negletta ed obbliata. Nè poteva in essa il Santo Pastore esercitare le sue sacre funzioni, essendo troppo piccola ed angusta.
Dobbiamo dunque dire piuttosto essere stato il tempio di S. Andrea, il quale, come osservammo, venne edificato, quando S. Pietro era ancora in vita. Non dispiaccia poi su quelle parole — Mundavit Ecclesiam Idolis pollutam — riflettere che lo scrittore non pose Fanum, Delubrum, ma Ecclesiam, ciò che dinota propriamente il tempio de’ cristiani. Dunque questa prima era stata consagrata al culto divino, e poi venne profanata dal ricadimento degli Andriesi nell’Idolatria, come si rileva anche da quelle parole: ut Italiam ad Andrienses Populos, qui ab antiqua fide desciverant, adjuvandos se conferret: sotto quella voce populos, s’intendono tutt’i casali, che allora esistevano nel nostro dintorno.
Che sia stato il tempio di S. Andrea quella chiesa che S. Riccardo trovò Idolis pollutam, lo dimostra apertamente la casa, o sia l’Episcopio del medesimo S. Pastore, sito nella lontananza di pochi passi da essa chiesa: la qual casa venne poi in molti punti rifatta, e che palesa per altro la povertà de’ primi Pastori, poggiati sulla pietà de’ fedeli. E quando tutt’altro mancasse su questo articolo, siamo convinti della osservanza da tempo immemorabile del nostro capitolo cattedrale, il quale sempre ha venerata questa chiesa coma la prima sua sede. Di fatto ne’ semidoppii, nelle commemorazioni de’ nostri Santi Protettori, prima si recita quella dell’Apostolo S. Andrea a cui è intitolata l’antica, e nuova cattedra, e poi si passa a S. Riccardo nostro primo Vescovo e patrono. E quando venne traslatata la cattedrale nel luogo, dove al presente trovasi, sotto il titolo dell'Assunta, non lasciò mai quello di S. Andrea. In effetti quel quadro che trovasi affisso sotto la volta del presbiterio che ne forma l'emblema, fu dedicato all’Assunzione della Vergine ed a S. Andrea.

[da “Storia della Città di Andria” di Riccardo D'Urso, Tipografia Varana, Napoli, 1842, lib. II., cap. IV., nota a pag. 22]

Sant'Andrea alle grotte, prima della demolizione   La chiesetta di Sant'Andrea, poco prima della sua demolizione - fotogramma dell'Istituto Luce
[La chiesetta di Sant'Andrea alle Grotte, poco prima della sua demolizione - elabor. elettr. del colore; la 2^ immagine tratta da fotogrammi di un filmato dell'Istituto Luce del 25 marzo 1955]

Nelle immagini su riprodotte (la 2a elaborata con più fotogrammi di un filmato storico girato il 23 marzo 1955 dall'Istituto Luce durante la demolizione del quartiere in grotta) appare chiaramente la statua in argilla di Sant'Andrea posta sull'apice del frontone e la finestra della facciata della chiesetta. Sopra i fabbricati dietro la chiesetta si vede (sulla sinistra) uno dei vasi che sormontano Porta Sant'Andrea.
 A metà Ottocento il Borsella osservò tale statua collocata a sinistra dell'altare: "In essa [chiesa] venerasi ancora l’ara in cui celebrò l’apostolo [S.Andrea], la di cui rude statua di argilla vedesi stabilita in cornu Evangelii, adorna di pesci".

Approfondiamo la ricerca con altre letture e, soprattutto, consultando alcuni documenti (nella pagina successiva )