Contenuto

Men¨ delle pagine principali

Sant'Angelo de' Meli
detto anche di San Micheluzzo

Sant'Angelo de' Meli prima dell'ultomo restauro
[La facciata prima del restauro attuato nel 2003]

"Questa cappelluccia una volta fu sotto il patrocinio della nobile famiglia andriese dei Meli, estintasi anticamente. Pass˛ poi all'altra nobile famiglia dei Marulli, imparentati coi Curtopassi. Nel 1697 fu adibita ad oratorio del Seminario che risiedeva dove Ŕ oggi l'ospedale civile e di cui le circostanti fabbriche appartenevano alla nobile famiglia Volpone, anch'essa estinta da secoli. Quando il seminario venne trasferito dal vescovo Nobilione accanto all'attuale palazzo vescovile, la chiesetta rest˛ abbandonata, e soltanto recentemente fu riaperta al culto e officiata da un canonico del Capitolo Cattedrale."

[testo tratto da "Descrizione storico-artistica di Andria - Parte prima: Andria Sacra", di R. Zagaria, tip. F.Rossignoli, Andria, 1927, pagg. 30-31]

"Questa piccola chiesa Ŕ situata nel Centro storico di Andria, presso uno dei quattro antichi ospedali in via Quarti, con accesso da via Santa Chiara passando sotto l'arco.
La Chiesetta offre due particolari interessanti: il semidistrutto affresco del Cristo PantocrÓtore, ritratto tra il 1200 e il 1300, e la struttura architettonica dell'antica costruzione, di cui si hanno notizie risalenti al 1705.
"

 [tratto dal libro Le Storiche Croci del Venerdý Santo di M. Melillo, Tip. Edigraph, Andria, 1998, pag.17]

Si noti nell'angolo di sinistra l'invito di un arco o volta che suggeriscono come un tempo la cappella si prolungasse sulla sinistra per congiungersi all'affiancata costruzione al di lÓ dell'attuale stradina, costruzione che Ŕ stata utilizzata per un certo periodo come seminario (col palazzo Volponi a fronte) e che attualmente Ŕ sede della "Casa Accoglienza S. Maria Goretti".